DnD 5e: ma non finiscono mai?

Il gruppo è rimasto a fissare il mastino infernale “evocato” da Muscy: la bestia ha un aspetto tutt’altro che amichevole dopo aver soffiato fuoco su gran parte del gruppo.

Lorena e Matteo però erano riusciti ad aggirare o scavalcare il mastino e con il loro aiuto viene fatto fuori.

Lorena ha già spinto col muso la porta oltre al mastino e in quel corridoio si è intravisto per un attimo solo il wight più lento, ancora in fuga. Quando si sono messi all’inseguimento però, viene trovata alla fine del corridoio solamente una porta chiusa.

I Non Morti
zombie

Matteo la sfonda con un calcio. Dentro la stanza che si vede dai rottami della porta, che pare senza uscita, due zombie fanno ciao ciao con la mano.

Ora Lorena è sparita ma in compenso Andrew è riapparso di fianco al dragonide.

Matteo si trova al momento da solo davanti ai due zombie ed avvisa gli altri, che lo raggiungono e si posizionano dietro di lui.

Il gruppo è ancora in fase di combattimento, praticamente non avendo mai interrotto l’inseguimento nonostante l’intermezzo offerto dal mastino infernale.

Muscy si concentra e cerca di esaminare meglio i due zombie, e il risultato è che gli  sembrano due normalissimi zombie. Per sicurezza lancia un Eldritch Blast, colpendone in pieno uno e lasciandolo sanguinante.

Andrew raggiunge Matteo e invoca l’eroismo su Matteo, dandogli una botta di confidenza e qualche punto ferita nel caso gli zombie cercassero di caricarlo di botte.

Lo zombie ferito, evidentemente offeso per le parole usate dal paladino per dare confidenza al monaco, lo attacca con un graffio ma l’armatura del paladino regge perfettamente.

Piero si avvicina e fa partire una Fiamma Sacra e colpisce lo zombie ancora illeso.

Fiona si infila fra il paladino e il monaco e tira un’asciata al primo zombie, uccidendolo.

Orim tira una sassata allo zombie rimasto e lo prende in testa. 

Il ladro Fabrizio decide sfoggiare la sua capacità di mimetizzarsi con le ombre ed è talmente bravo che non lo vede più nessuno.

Morsac attacca lo zombie rimasto con l’arco, lo colpisce in piena fronte uccidendolo.

Matteo entra nella stanza e nota che non ci sono porte. Rimane sconcertato ma poi nota una fessura. che rivela una porta scorrevole nascosta: al di là c’è un corridoio che porta in un’altra stanza. Il monaco si avvicina con cautela per sbirciare cosa c’è dentro la stanza e nota che ci sono altri due zombie. La stanza ha una porta sul fondo e un corridoio nella parte est.

Nel frattempo Fab, stufo di dare sfoggio della sua capacità mimetica, appare dietro a Muscy.

Uno degli zombie della nuova stanza vede Matteo, che come al solito corre veloce in avanscoperta, lo attacca e lo colpisce facendogli un bel graffio, ma la protezione che gli aveva fornito Andrew fa in modo che il monaco non si faccia troppo male.

Muscy punta il dito verso lo zombie e scarica su di lui un Eldritch Blast.

Purtroppo al momento di lanciare il secondo raggio il tempo si ferma e a Muscy appare il solito messaggio.

Il Fato ha decretato: L’unto. Vuoi intervenire? Sì o No.

Muscy sceglie di non intervenire.

Una specie di liquido viscoso scende dall’alto e ricopre Muscy da testa a piedi di una sostanza oleosa e appiccicaticcia, tanto che il dragonide perde l’equilibrio.

Il tempo torna a scorrere normalmente.

Il Paladino si avvicina a Matteo con l’intenzione di aiutarlo a pestare lo zombie. Dà una possente spadata al non morto e lo uccide.

Il quarto zombie arriva vicino a Matteo e Andrew ed attacca il paladino, mancandolo per un soffio.

Piero lancia una seconda Fiamma Sacra e ferisce lo zombie. La barbara si posiziona dietro al monaco e gli da una spinta dicendo “fai qualcosa che stai solo aprendo porte”.

Orim tira un ennesimo sasso sulla testa all’ultimo Zombie. 

Il ladro si lancia verso lo zombie rimasto e lo attacca, uccidendolo. Il monaco rimane senza nulla da fare a parte considerare una carriera come usciere.

La stanza, tolti gli zombie a terra, è semivuota. Al centro c’è una statua semi distrutta e vandalizzata. Ad un primo sguardo non è una statua di Helm.

Morsac ignora le altre due porte nella stanza e sbircia nel breve corridoio adiacente e nota che il corridoio dà su un’altra porta. Decide così di rimanere con l’arco in mano in posizione di difesa, nel caso qualcuno aprisse le porte e saltassero fuori altre sorprese.

Matteo, che si è visto volare tirare via da sotto il naso la soddisfazione di uccidere qualche zombie, decide di investigare esaminando le tracce per terra. 

spectator
spectator

Apre la porta e vede una stanza grande con al centro un altare, diverse uscite, il beholder, le due wight rimaste e il cavallo infernale. Il monaco richiude subito la porta e avvisa gli altri che ci sono tutti i simpatici mostri che non stanno più scappando. Lo scaccia-non-morti ha finito di fare effetto.

Muscy nel frattempo sta ancora cercando di ripulirsi dalla sostanza appiccicosa che lo avvolge. Riesce a rimettersi in piedi ma non è in grado di togliersi la melma di dosso. Pattina verso la stanza dove ci sono il monaco e Morsac, entra e vede Matteo che si nasconde dietro la statua rotta. Si posiziona così al suo fianco

Andrew entra dentro la stanza e si posiziona anche lui di fianco a Matteo.

Piero si ferma sull’uscio.

Laura va a piazzarsi vicino alla porta da dove dovrebbero uscire wright, cavallo e beholder.

Orim si va a mettere vicino al dragonide.

Il ladro decide di lanciare l’illusione di una porta chiusa sulla porta chiusa e poi silenziosamente apre la porta vera per vedere beholder e compagnia bella, sperando che loro vedano ancora la porta chiusa.

Fab comunica il piano telepaticamente al dragonide che lo sussurra agli altri.

Laura non capisce cosa sta succedendo e vede solo una cosa che la inquieta molto: Fab che apre la porta ma la porta resta chiusa e aperta allo stesso tempo. Laura tira per comprendere meglio ma non ce la fa proprio.

Si ferma il tempo e Muscy riceve il solito messaggio.

Il Fato ha decretato: l’Inquisizione Spagnola. Vuoi intervenire? Sì o No.

Il dragonide sceglie di no.

farfalle
farfalle

Dal tetto della stanza scatta uno sciame di farfalle coloratissime che incominciano a volare in tutte le direzioni e riempiendo la stanza. Poi formano un tornado svolazzante e coloratissimo e si infilano nell’unico corridoio aperto che c’è, da dove è arrivato il gruppo.

Piero si accorge che quella di Fab è un’illusione, così come gli altri tranne Morsac che non capisce bene cosa stia succedendo.

Quelli che vedono nella stanza notano i due wight al centro della stanza, in guardia con due spade in pugno.

Beholder e Cavallo guardano la porta e si spostano lateralmente.

Morsac vede la porta ancora chiusa e si piazza dietro la porta pronto a tirare.

Matteo tira un pugnale contro un wight ma la manca. Laura e Morsac sono ancora confusi, ma guardando bene il pugnale che attraversa la finta porta si rendono conto del trucchetto di Fab.

Il wight vede un pugnale spuntare dalla porta e si sposta lateralmente.

Muscy si sporge e lancia un Eldritch Blast su un wight che non ha fatto in tempo a spostarsi. Con il primo raggio non colpisce, ma con il secondo non manca.

Andrew va ad affiancare la barbara su di un lato della porta, pronto ad accogliere i nemici quando cercheranno di passare di lì.

Piero decide di lanciare una palla di fuoco all’interno dell’altra stanza, facendo un bel barbecue con tutti quelli nell’altra stanza, dal beholder al wight. Sono tutti bruciacchiati, in particolare il beholder è in condizioni critiche. 

wight
wight

Un wight si porta sulla porta per attaccare. Si trova davanti Laura e Andrew e fra i due sceglie di prendersela con il paladino, ma lo manca con entrambi gli attacchi.

Il beholder vede Piero e lancia un raggio verso di lui lasciandolo paralizzato.

Laura attacca il wight vicino a lei e al paladino ma pur colpendolo vede l’ascia rimbalzare sull’armatura.

Orim tira un sasso che questa volta finisce nel vuoto.

Fabrizio attacca il wight che aveva cercato di colpire il paladino, lo colpisce e lo lascia davvero malridotto. Il ladro ha ancora un attacco e non si lascia sfuggire l’opportunità di fare male.

Morsac attacca il wight vicino a Fab, Laura e Andrew con l’arco, lo colpisce in pieno e lo uccide.

Il cavallo infernale vede Laura, Andrew e Fabrizio e se la prende con Laura. Arriva a passo di carica, Andrew vede il movimento del cavallo e mette protezione su Laura e il cavallo non riesce a colpire la barbara.

Matteo va verso il cavallo e lo attacca con il bastone. Poi inizia a caricarlo di pugni. Sembra un pugile che si allena in un mattatoio.

Un wight cerca di reagire attaccando il monaco, ma lo manca con entrambi gli attacchi.

Nel bel mezzo del combattimento si ferma il tempo e Muscy riceve il solito messaggio.

Il Fato ha decretato: Il sonno della ragione. Vuoi intervenire? Sì o No.

Il dragonide sceglie di sì, ma fallisce la concentrazione.

Appare improvvisamente un mostriciattolo verde. Secondo Laura è un demone e il paladino capisce che è un immondo.

Nel frattempo sparisce Morsac, improvvisamente.

Muscy evoca Hunger of Hadar. Appare una sfera che sembra oscurità pura. All’interno della sfera echeggia una cacofonia di sussurri e lamenti. Non c’è luce che attraversi la sfera.

Andrew vede spuntare dalla sfera metà del wight e metà del cavallo che sono stati avvolti solo nella parte posteriore. Il paladino attacca il wight e lo ferisce seriamente. Non contento le lancia contro una Punizione Divina aggiungendo un bel po’ di danno sacro.

Piero assiste al combattimento ancora paralizzato.

Il beholder si prende i danni dalla sfera lanciata da Muscy e, sanguinante, svolazza nella stanza degli eroi. Lancia due raggi su Laura e Fabrizio. Laura si sente confusa di nuovo e Fab rimane a sua volta completamente paralizzato.

Nonostante la confusione la barbara si lancia contro la cosa più grossa che c’è nella stanza, riesce così a colpire il cavallo facendolo fanno sanguinare.

Orim prova a colpire il beholder con la fionda ma lo manca.

Fabrizio è paralizzato ed impotente come Piero.

Il cavallo intanto continua a prendere danni da freddo dalla palla di tenebre evocata da Muscy.

Il cavallo finalmente tira un calcio a Laura e le fa male. 

Matteo attacca finalmente il beholder con una pioggia di pugni, uccidendolo. Poi infierisce sul cadavere per vendetta, per ripagarlo della paralisi precedente.

La whight bloccata tra i nemici e la sfera evocata da Muscy, non iresce ad uscirne e muore.

Muscy lancia un Eldritch Blast verso il cavallo infuocato, mancandolo però con entrambe i raggi.

Andrew tenta l’attacco verso lo stesso bersaglio con lo stesso risultato del dragonide.

Piero è ancora paralizzato.

Laura è di nuovo in piena confusione e attacca Fabrizio: impietosa la barbara non manca mai il suo alleato!

Orim attacca il cavallo con un sasso e questa volta lo colpisce.

Il ladro Fab è ancora bloccato ed impotente.

nightmare
nightmare

Il cavallo si prende altri danni dalla sfera. Anche il piccolo demone appena apparso ne viene ferito, ma essendo nella sfera buia nessuno lo vede.

Matteo ha la sensazione di aver sentito il rumore di ali svolazzanti che gli passano sulla testa ma non vede nulla. Di reazione prova a colpire alla cieca quello che ha percepito ma non colpisce nulla. Poi grida “roba svolazzante alle mie spalle”.

Il cavallo prende gli ultimi danni dalla sfera e muore.

Muscy cerca di percepire cosa c’è dietro le spalle di Matteo ma si ferma nuovamente il tempo

Si ferma il tempo e Muscy riceve il solito messaggio.

Il Fato ha decretato: il Sonno della Ragione. Vuoi intervenire? Sì o No.

Il dragonide sceglie di intervenire.

Compare un secondo messaggio.

Il Fato ha decretato: (1)il Sonno della Ragione o (2)il Sonno della Ragione.

“Uhmm non saprei proprio cosa scegliere” pensa il dragonide “credo che opterò per il Sonno della Ragione”

banshee
banshee

In mezzo alla stanza, davanti a Muscy, appare una Banshee che fluttua a mezz’aria. Guarda fisso Muscy e pianta un urlo terrificante. 

Muscy, Andrew, Laura e Fabrizio si beccano 9 danni psichici mentre Piero e Matteo scendono a zero punti ferita, rimanendo incoscienti.  L’urlo della Banshee è notoriamente mortale.

Anche il demone non è immune, si prende i danni da Banshee e muore con uno squittio, tornando visibile per un attimo e poi sparendo definitivamente.

La Banshee fortunatamente decide di volare via verso la direzione da cui è arrivato il gruppo di eroi.

Fab si è finalmente sbloccato e Laura si sente meno confusa.

Andrew cerca di soccorrere Piero e Matteo. Impone le mani su di loro e restituisce un po’ di energia ad entrambi. Vedendo il ladro assai sanguinante si commuove e decide di applicare lo stesso trattamento anche a lui.

Piero e Matteo si riprendono ma sono comunque conciati male.

Il gruppo sa che ha necessità di riposarsi nonostante non sia il luogo più sicuro per farlo. Il chierico fa una cura generale e cura tutti con una preghiera che ha effetto ad area, poi dichiara di aver bisogno di dormire per almeno quattro ore se il gruppo vorrà fruire dei suoi incantesimi.

Il gruppo si confronta per discutere se dormire e montare la guardia o se rischiare e proseguire con il chierico addormentato fra le braccia di qualcuno.

Nel frattempo qualcuno redige la mappa delle catacombe sinora esplorate.

mappa catacombe
mappa catacombe

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.