Broken Compass: tutto iniziò con la convocazione del Conte

Broken Compass cover

PROLOGO

Nonostante siate ancora alle prime collaborazioni con l’Unica e siate diventati soci da poco – o forse state decidendo se associarvi, ma in ogni caso l’Unica sembra una buona fonte di guadagni – quello che avete capito è che quando il Conte Augusto vuole qualcosa o qualcuno da qualche parte, sa come fare in modo che questo succeda. Al Conte non piace aspettare. In compenso il Conte ama la segretezza: per questo non siete troppo stupiti, quando ricevete un biglietto in cui riconoscete la sua scrittura. Sul biglietto notate quattro lineette verticali affiancate, come i segni tracciati dai carcerati sulle pareti della celle.
“Quattro, ok questa almeno è stata facile.”
Vicino a quei segni un cerchietto con un punto segnato esattamente al centro. È il geroglifico del sole, usato per indicare anche la parola “giorno”. In basso a destra, come se fosse una firma, riconoscete dentro a quello che chiamano un “cartiglio”, la serie di geroglifici che il Conte usa per firmare i suoi messaggi: un avvoltoio, una colomba e poi altri simboli che vi risuonano famigliari o che guardate come scarabocchi, in base alla vostra dimestichezza con l’idioma egizio. Ma quello che vi colpisce di più è in numerosi arabi e lettere latine. Al centro del biglietto leggete chiaramente:

31° 12′ 2.88″ N 29° 53′ 54.24″ E

Il Conte vi ha dato un appuntamento. Da qualsiasi parte del mondo dobbiate partire, avete quattro giorni per farvi trovare dove vuole che voi siate.

È l’inizio di una nuova avventura.
Mentre vi chiedete dove avete lasciato la cartina più vicina, nella vostra mente continua a girare una frase come se fosse un mantra:

“Al Conte non piace aspettare…”

Se volete seguire la Campagna, ecco la pagina in cui la racconteremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.